Translate

martedì 26 dicembre 2017

NATALE a Tahiti

Non è un film di Christian De Sica...
Siamo propio noi, qua a Tahiti da luglio, che tra un nuvolone nero e l'altro , vento da NW e mare "choppy", cioe' "incrociato... con brio", ci stiamo organizzando per trascorrere il nostro primo Natale in Polinesia Francese.
Non c'e' atmosfera piu' fasulla di quella natalizia forzatamente introdotta in un territorio dove neve , abeti e renne non si sono mai visti ne'mai si vedranno...
Le cassiere, simpatiche come sempre, sfoggiano abiti rossi con fiori sgargianti.Qualche supermerato ha ingaggiato i suonatori locali per rallegrare i clienti, numerosi , in questi giorni di "abbuffate festive". Anche qua non c'e' limite ai peccati di gola...
Al Carrefour c'e' il Pandoro, il Panettone Motta ( 22,00 €), i cioccolatini della Lindt e altre leccornie tipicamente francesi : le ostriche della Bretagna sono arrivate in aereo appena in tempo per arricchire il cenone della Vigilia...
Metri e metri di stoffa tipo "pelliccetta sintetica " bianca , distesi su banconi e vetrine dovrebbero dare l'impressione della neve : temperatura esterna 33°, acqua del mare 30°, purtroppo marron per i fiumi di fango che scorrono dalla montagna.
Non se ne parla di dissalare ...
Aspetteremo che torni il sole, mica siamo in Austria !!!
Fa caldo ...tanto caldo...e c'e'tanta umidita'.
Di notte si potrebbe dormire  con il ventilatore puntato addosso, che pero' ghiaccia il sudore sulla pelle e quindi ti svegli con il brivido e il "grattino" in gola ...meglio senza.
Il telone bianco impermeabile fatto a Cartagena, assolutamente indispensabile sia per riparare il pozzetto dal sole che dalla pioggia, ci consente di tenere aperti  quasi tutto gli oblo' : per adesso niente muffa in barca!
Siamo quasi sempre in giro con la nostra "Renault Clio", noleggiata da "Eco Car" per un mese (22,00€ /die) .
Prendiamo le strade di montagna nella speranza di trovare un po' di fresco : illusi !
Ci troviamo nelle nuvole basse, immersi in uno "spray" simile a quello dei baretti greci con acqua polverizzata e ventilatore.Qui e' tutto offerto "a gratiss " da Madre Natura..
Vigilia di Natale .
Insalata di riso e macedonia di frutta tropicale "al sacco " nei boschi del  "Belvedere "di Papeete, 600 mt di altitudine .Piscina all'aperto e ristorante con cucina internazionale( per il pranzo ci vorrebbe un mutuo... )
Ci rilassiamo con due belle birre ghiacciate :14, 00 €.. Sigh ! ...
Pero' ci sono solo 28°! Fresco!!!
Natale 2017
A bordo del Paddy Boy con Inga (Germania) e Vassili (Bulgaria) di "OLGALOU" : aperitivo con fettine di cocco fritto (!?) e "Cuba libre".
Poi pasticcio di lasagne al Pesto , mega-macedonia di frutta tropicale, caffe' e "Madleine" a volonta'... ( tipici dolcetti francesi alla mandorla)
Ma ..il bello viene dopo il pranzo : si canta tutti insieme , da Battisti a Elton John, accompagnati  all ' ukulele da Vassili !
"Stecche " e stonature fanno parte del divertimento  e dal pranzo si arriva alla cena, ma non c'e' piu' uno spazietto libero ...
Sazi e sorridenti i nostri ospiti tornano a remi , al buio, con "Hardy", alla loro barca, ormeggiata alla boa, ad un centinaio di metri da noi.
Ci ritroveremo per Capodanno !!
Domani, 26 dicembre 2017,Robi compira'63 anni : che soddisfazione viverli a Tahiti !!
Happy Birthday Captain ! (... ormai siamo internazionali...!!?
Vassili e Inga sul loro dinghi in vetroresina "Hardy"
Il nostro GOMMINO e HARDY
PAPEETE vista dal BELVERDERE
Il BELVEDERE di PAPEETE
Tutto pronto per il pranzo di Natale a bordo del PADDY BOY
La Mairie (edificio del Comune), versione Natalizia
Con Marco davanti adun improbabile orso polare ....
MARCO , anche lui fermo a Tahiti da agosto...si sta troppo bene qui!!
La nostra CLIO a noleggio
Una commessa del CARREFOUR ...e Babbo Natale!
Decori di Natale alla Mairie di PAEA
Fiori di TIARE' ...profumatissimi...

lunedì 4 dicembre 2017

I miei 63 a Tahiti.

Sessant'anni festeggiati a Nisiros, Dodecanneso, Grecia, Mar Mediterraneo.
Per i miei sessantuno eravamo ormeggiati a La Graciosa, isole Canarie, Spagna, Oceano Atlantico.
Sessantadue anni  li ho compiuti a Cartagena, Colombia, Oceano Atlantico.
I sessantatre mi trovano a Tahiti, Polinesia francese, Oceano Pacifico.
Niente male per una viaggiatrice accanita come me...
Il mio compleanno tahitiano ? Assolutamente "lazy", pigro, rilassato, come si addice al clima di quest'isola.
Mi preparo con un taglio di capelli innovativo:Leslie, la mia vicina di boa canadese si impegna a fondo. Il risultato è ottimo: lei normalmente si occupa della sua fattoria , ma si diverte un sacco nel suo nuovo ruolo di parrucchiera...
A Papeete c'è il festival delle isole Marchesi: mi godo i balli  di questi omoni tatuati e arcigni e l'artigianato tipico.
Un regalino : ciondolo di osso di mucca inciso a mano, a forma di amo. A pranzo spaghetti alle vongole e macedonia di frutta tropicale poi una sana "siesta"...
Nel pomeriggio lunghe nuotate con Robi nel turchese della barriera corallina, nel nostro "acquario" personale, tutto intorno alla boa dove il Paddy Boy sonnecchia immobile già da qualche mese.
Il clima è splendido, fa tanto caldo ma la brezza non manca.

Al tramonto lo spettacolo sempre mozzafiato del sole che cala lentamente nel mare ad Ovest di Moorea.
Fa buio presto, si accendono le luci sulla costa di Tahiti,il silenzio è profondo, solo il rumore delle onde sul reef fa da colonna sonora alla notte...
E poi arriva , da terra, il profumo dei fiori di Tiarè, come un balsamo, una carezza...
Sono serena. Sto vivendo in Paradiso...